Decreto effluenti: quale impatto sugli impianti a biogas lombardi?

 

Mentre la programmazione rurale 2007-2013 ha visto la forte crescita in Lombardia degli impianti di biogas e, più generale, del settore delle agroenergie, nei nuovi PSR l'innovazione in agricoltura si rivolge al miglioramento dei bilanci ambientali e all'economia circolare. In quest'ottica, che si può considerare anche come una seconda fase nell'evoluzione del settore biogas, divengono prioritari temi come la valorizzazione del digestato, l'agricoltura conservativa e lo sviluppo della filiera del biometano.

 

Fiper, con il patrocinio del comune di Cremona, in collaborazione con DAEL, CMA e il supporto organizzativo di Agroenergia, ha promosso il 29 giugno a Cremona un seminario gratuito dal titolo “ Decreto effluenti: quale impatto sugli impianti a biogas lombardi?”

 

Con l’entrata in vigore del Decreto Effluenti definisce a livello nazionale la classificazione del digestato in uscita dagli impianti a biogas per l’utilizzo agronomico. A tal fine il decreto definisce criteri e matrici da impiegare.

Rispetto alla precedente DGR di Regione Lombardia, il Decreto effluenti introduce dei requisiti più restrittivi. Il convegno ha la finalità di illustrare ai gestori di impianti a biogas le prescrizioni del Decreto e la loro applicazione nella gestione aziendale.

 

Tutte le presentazioni sono scaricabili e visibili qui sotto dopo aver fatto la registrazione sul nostro sito nella sezione Login e dopo aver inserito Nome utente e Password

 

PER SCARICARE IL PROGRAMMA CLICCARE QUI

Login

Collaboriamo con